Cosa è il DVR?

Il Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) è una relazione obbligatoria, predisposta dal Datore di Lavoro, redatta per ciascuna unità produttiva (in cui lavori almeno un addetto) ai sensi degli articoli 17, 28 e 29 del D.Lgs. 81/08. Il DVR deve essere sempre presente all’interno del luogo di lavoro sia per la sicurezza dei lavoratori che per eventuali ispezioni.

Detto documento riguarda tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari. Inoltre viene posta molta attenzione nei riguardi dei rischi cui sono sottoposte le lavoratrici in gravidanza.

Il DVR deve indicare le misure di prevenzione e di protezione dei rischi per la sicurezza e la salute (quali uso dei DPI – dispositivi di protezione individuale -, manutenzione ordinaria, ecc…) nonché le procedure per l’attuazione delle misure da realizzare.

Documento valutazione rischi (DVR)_2

Cosa si rischia se non si dispone del DVR?

Come già accennato, il DVR è un documento la cui presenza sul posto di lavoro è obbligatoria. La mancata o incompleta redazione del DVR comporta l’applicazione di una ammenda e l’arresto ai sensi dell’art. 55 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.:

  • arresto da tre a sei mesi o con l’ammenda da 2.740,00 a 7.014,40 euro nel caso di:
    • omessa redazione (violazione Art. 29, c.1);
    • mancata nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione ai sensi dell’articolo 17, comma 1, lettera b);
  • arresto da 4 a 8 mesi se la violazione è commessa in azienda a rischio di incidente rilevante e con l’esposizione a rischi biologici, cancerogeni/mutageni, di atmosfere esplosive, etc.
  • ammenda da 2.192,00 a 4.384,00 euro nel caso di:
    • redazione del DVR con omessa indicazione sulla relazione della valutazione di tutti i rischi;
    • omessa indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati;
    • omessa programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza;
    • mancata individuazione delle procedure per l’attuazione delle misure da realizzare, nonché dei ruoli dell’organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri;
  • ammenda da 1.096,00 a 2.192,00 euro nel caso di:
    • mancata individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacità professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento

Per maggiori informazioni o per ottenere un preventivo contattatemi tramite il seguente form oppure scrivimi una mail all’indirizzo [email protected] o telefona al +39 371 161 9088.

Categorie: Sicurezza

Ing. Salvatore Neglia

Ing. Salvatore Neglia opera nel settore Civile/Ambientale offrendo numerosi servizi sia a privati che aziende e proponendo soluzioni tecnicamente ed economicamente performanti, nonché appositamente studiate per le reali esigenze del committente.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.